Archivi Blog

Drupal – URL Semplificati

Dopo aver parlato di Drupal e della sua installazione, nel post: Ubuntu Server: Installare Drupal 7.14 , può accadere che andando a modificare la parte riguardante la semplificazione degli URL, ci troviamo in una situazione del genere:

Come facciamo ad abilitare gli URL semplificati?

Prima di tutto, bisogna attivare il modulo Apache Module mod_rewrite, aprendo il terminale sul server e dando:

sudo a2enmod rewrite

A questo punto bisogna fare un’ulteriore modifica; da terminale diamo:

sudo nano /etc/apache2/sites-available/default

NOTA: default è la configurazione standard di Apache; se avete creato nuovi siti, andrete a modificare il file creato da voi.
All’interno del file troviamo le righe:

AllowOverride None

che modifichiamo in:

AllowOverride All

Salviamo il file ed usciamo. Ed infine:

sudo /etc/init.d/apache2 restart

aggiornando la pagina di Drupal avremo:

Ora abbiamo attivato la voce “Attiva gli URL Semplificati”, la quale sarà cliccata ed attivata.

Ubuntu Server: Installare Drupal 7.14

Oggi andremo ad installare il CMS Drupal, con l’aggiunta della lingua italiana, su un server Ubuntu 10.04LTS ed utilizzeremo un database in PostgreSQL.

Dal terminale del nostro Ubuntu Server, digitiamo:

wget http://ftp.drupal.org/files/projects/drupal-7.14.tar.gz

tar -xvf drupal-7.14.tar.gz

sudo cp -r drupal-7.14 /var/www/

cd /var/www/

sudo mv drupal-7.14/ drupal/

In questo modo Drupal è in lingua originale (inglese), ma se volessimo installare anche la traduzione, basterà dare da terminale queste due righe ed in seguito, in fase di installazione, selezionare la lingua italiana. La guida seguente è stata scritta utilizzando la lingua di default.

wget http://ftp.drupal.org/files/translations/7.x/drupal/drupal-7.13.it.po

sudo mv drupal-7.13.it.po /var/www/drupal/profiles/standard/translations/

In seguito ci spostiamo su un cliente, apriamo un browser e diamo:

http://indirizzo_ip_server/drupal

Procediamo con l’installazione ma alla fase Verify requirements avremo una schermata del genere

che risolviamo tramite terminale sul server con:

sudo mkdir /var/www/drupal/sites/default/files

sudo chmod 777 /var/www/drupal/sites/default/files/

sudo cp /var/www/drupal/sites/default/default.settings.php /var/www/drupal/sites/default/settings.php

sudo chmod 666 /var/www/drupal/sites/default/settings.php

Aggiornando la finestra di installazione, vedremo che non ci sono errori e possiamo procedere col settare la parte inerente alla configurazione del database.

In questo esempio di installazione, useremo PostgreSQL come database. Per l’installazione, configurazione e creazione di un database, rimando al post: Installare PostgreSQL 9.0 e pgAdmin3 su Ubuntu Server 10.04LTS

Dopo aver creato un database, andiamo ad inserire tutti i dati necessari nei campi di configurazione del database e premiamo Save and Continue.

alla fine dell’installazione dei file, definiamo le ultime cose come il Nome del Sito, mail, user e pwd dell’amministratore e altre informazioni.

NOTA: Durante questo passaggio potremmo avere una finestra di warning, che ci indica di cambiare alcuni permessi ad una cartella e al file delle configurazioni. Se questo dovesse accadere, apriamo un terminale sul server e digitiamo:

sudo chmod 444 /var/www/drupal/sites/default/settings.php

Ed alla fine di tutta l’installazione, avremo la schermata di login diretto alla parte amministrativa, in cui potremo iniziare a fare le nostre configurazioni!

Ubuntu Server: Installare WordPress

Oggi andremo ad installare il CMS WordPress all’interno del nostro Ubuntu Server 10.04 LTS.

Prima di cominciare, WordPress necessita di PHP, Server Web (Apache) e Database Server (MySQL Server); per l’installazione e l’inizializzazione dei componenti appena citati, rimando al post: Server: Installare Apache, MySQL e PHP

In seguito, apriamo un terminale del server e diamo:

wget http://wordpress.org/latest.zip
sudo mv latest.zip /var/www
cd /var/www
sudo apt-get install unzip
sudo unzip latest.zip
sudo rm latest.zip
sudo chown www-data:www-data wordpress/

Passiamo ad aprire un browser all’interno della rete LAN e digitiamo:

http://indirizzo.ip.del.server/wordpress

ottenendo una schermata del genere:

Non vi preoccupate dell’errore generato; clicchiamo su Create a Configuration File

Ora clicchiamo su Let’s go!

A questo punto abbiamo bisogno di creare un database con MySQL Server; per la creazione rimando al post: phpMyAdmin: creare un nuovo utente e un nuovo database

Per l’esempio abbiamo creato un utente chiamato wordpress ed un database associato chiamato wordpress

A questo punto torniamo sul nostro browser ed inseriamo tutti i campi riguardanti il Database appena creato, ed infine clicchiamo su Submit.

Alla schermata successiva, se tutto è andato a buon fine, clicchiamo su Run the install

In seguito compiliamo i campi richiesti e premiamo su Install WordPress

Alla fine di tutta l’installazione, eccovi la schermata ‘classica’ di login di WordPress.

Ed il lato pubblico sarà visibile all’indirizzo:

http://indirizzo.ip.del.server/wordpress

E la parte administrator, lato privato, sarà visibile all’indirizzo:

http://indirizzo.ip.del.server/wordpress/wp-admin

Installare PostgreSQL 9.0 e pgAdmin3 su Ubuntu Server 10.04LTS

I repository per PostgreSQL 9.0 sono mantenuti da Martin Pitt, come comunicato anche dal sito Postgresql.

Procediamo con l’installazione, apriamo un terminale e digitiamo:

sudo apt-get install python-software-properties

sudo add-apt-repository ppa:pitti/postgresql

sudo apt-get update

sudo apt-get install postgresql-9.0 libpq-dev postgresql-contrib-9.0 php5-pgsql

L’installazione è terminale e da questo momento avremo Postgresql9 nelle seguenti directory:

  • cartella di configurazione in: /etc/postgresql/9.0/main
  • cartella dati in: /var/lib/postgresql/9.0/main

Ora andiamo a fare qualche modifica, ad esempio cambiare il range di indirizzi IP che possono connettersi a Postgresql. Apriamo un terminale e diamo:

sudo nano /etc/postgresql/9.0/main/postgresql.conf

cerchiamo la riga seguente:

listen_addresses = ‘localhost’

e la modifichiamo in:

listen_addresses = ‘*’

salviamo il file ed usciamo dall’editor. Inoltre dobbiamo modificare un altro file:

sudo nano /etc/postgresql/9.0/main/pg_hba.conf

cerchiamo la riga seguente:

host    all             all             127.0.0.1/32            md5

e la modifichiamo in:

host    all             all             192.168.1.0/24            md5

in base al range di indirizzi IP della nostra rete.

Procediamo col cambiare la password dell’amministratore (postgres), aprendo un terminale e digitando:

sudo -u postgres psql template1
ALTER USER postgres WITH ENCRYPTED password ‘tua_password’;

Usciamo dal terminale con \q

Al posto di tua_password immettete la password che preferite per l’utente postgres.

Prima di procedere alla configurazione di pgAdmin3 sul client, abilitiamo l’admin pack, aprendo un terminale e digitando:

sudo -u postgres psql -U postgres -d postgres < /usr/share/postgresql/9.0/contrib/adminpack.sql

Riavviamo il servizio:

sudo /etc/init.d/postgresql restart

A questo punto spostiamoci su un client della rete LAN e procediamo all’installazione di pgAdmin3, interfaccia grafica che consente di amministrare in modo semplificato database di PostgreSQL.

sudo add-apt-repository ppa:pitti/postgresql

sudo apt-get update

sudo apt-get install pgadmin3

Apriamo il software appena installato dal menu Applicazioni – – > Programmazione – – > pgAdminIII :

Ora abbiamo bisogno dell’indirizzo IP del server che useremo per collegarci.
Dal menu File di pgAdminIII selezioniamo Aggiungi Server ed inseriamo tutti i valori nei campi.

Procediamo con la creazione di un nuovo utente e di un database associato, che sarà utilizzato nei prossimi post per l’installazione di Drupal

Ci spostiamo su Ruoli Utenti e diamo tasto destro, Nuovo ruolo utente, ed inseriamo tutti i dati necessari nella prima finestra, mentre nella seconda finestra (Privilegi di ruolo) attiviamo la voce Può creare database

Ora ci spostiamo su Database e diamo tasto destro, Nuovo database, ed inseriamo tutti i dati necessari nella prima finestra Proprietà

ed avremo una situazione finale di questo genere:

Ubuntu Server: Installare Joomla 2.5.4 ita stable

PREMESSA: Joomla necessita di un Web Server (Apache), PHP e di un Database Server (MySQL).

Rimando al post Server: Installare Apache, MySQL e PHP per l’installazione degli elementi sopra citati.

Ed inoltre è necessario creare un database che useremo per l’installazione del CMS; potete usare il post phpMyAdmin: creare un nuovo utente e un nuovo database per avere una linea guida.


A questo punto scarichiamo su un client della nostra LAN il pacchetto completo dal sito Joomla Italia (per il post abbiamo scelto Joomla 2.5.4 Ita Stable):

http://www.joomla.it/download/451-joomla-2.html

Lo copiamo nella home utente sul server, aprendo un terminale:

scp Joomla_2.5.4_ita-Stable.zip alfredo@indirizzo_ip_server:/home/alfredo

Scompattiamo il file .zip appena scaricato e copiamo tutta la cartella nella directory /var/www/joomla

In seguito apriamo un browser e digitiamo, a seconda di dove abbiamo copiato l’intera cartella di joomla, il seguente URL:

http://nostro.indirizzo.ip.server/joomla   

ed eccoci nell’installazione di Joomla.

Alla fine dell’installazione, rimuoviamo la cartella installation che si trova in /var/www/joomla/

Ritorniamo sul browser e digitiamo

http://nostro.indirizzo.ip.server/joomla

ed eccoci nel nostro nuovo sito Joomla!

Per accedere al pannello di amministrazione digitiamo:

http://nostro.indirizzo.ip.server/joomla/administrator

inserendo come credenziali:

Nome utente: admin

Password: password scelta in fase di installazione

Buon Joomla a tutti! Per altre informazioni, rimando al sito Joomla Italia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: