Archivi Blog

Statistiche a portata di mouse!

Con Google Statistiche di ricerca è possibile confrontare modelli di volumi di ricerca per aree geografiche, categorie, intervalli di tempo e proprietà web.

In questo modo possiamo conoscere tutti i termini più frequenti cercati negli anni ed in seguito analizzarli.

Di seguito un esempio prendendo in considerazione l’anno corrente 2012 e tutto il territorio nazionale:

Basta semplicemente collegarsi all’indirizzo http://www.google.com/insights/search/

L’inferno degli ‘spazzini’ di YouTube

 

Vivere 12 mesi di full immersion tra i contenuti più violenti e scabrosi del web. Con le immagini più crude piantate nel cervello come un’accetta anche mentre torni a casa, mangi, dormi e fissi catatonico la tv. Se trascorri almeno otto ore della giornata passando in rassegna i video a rischio censura caricati su Youtube, facendo insomma lo “spazzino” del marciume che circola online, è probabilmente questa la vita che ti aspetta.

FONTE

Le sedi di Google

Si sa che Google è un bel posto dove lavorare, e le sue sedi in giro per il mondo ricevono decine di migliaia di curriculum ogni anno: oltre a un ambiente di lavoro creativo, meritocratico e stimolante, Google offre una serie di benefit, servizi, strutture accoglienti e confortevoli. Caratteristiche comuni ad altri posti di lavoro in giro per il mondo, indubbiamente, ma quante aziende offrono ai dipendenti uno scivolo per passare da un piano all’altro? O un tavolo da biliardo? O dei mini-salottini privati in cui discutere con i colleghi dei progetti personali che Google permette di portare avanti?

Secondo alcuni studi la produttività dei dipendenti è direttamente correlata alla piacevolezza dell’ambiente lavorativo, e la società web sembra aver preso il consiglio alla lettera: oltre agli “extra” già elencati, dimostra un’incredibile cura nel creare gli spazi richiesti da un ufficio, dalla mensa alle scrivanie dei programmatori.

FONTE e FOTO: http://www.ilpost.it/2012/02/23/come-sono-fatte-le-sedi-di-google/

Il giorno di DnsChanger

[…] Rispetto alle stime fatte in precedenza, il numero di sistemi potenzialmente ancora infetti scende da 500mila a 277mila: un gran numero di società e organizzazioni (inclusi Google, Facebook e i singoli Internet provider) si sono impegnate per cercare avvertire gli utenti del pericolo incombente, e la pressione informativa sale ancora con nuovi “warning” e strumenti per il test della connessione […]

 

Potete fare il vostro test all’indirizzo http://www.dns-ok.it/

Welcome to IPv6!

Ieri è stato il giorno ufficiale del lancio di IPv6 come si legge dal sito http://www.worldipv6launch.org/

Major Internet service providers (ISPs), home networking equipment manufacturers, and web companies around the world are coming together to permanently enable IPv6 for their products and services by 6 June 2012.

Nel frattempo Google mette a disposizione un test per verificare la nostra configurazione:
sei pronto per il futuro di internet?

La risposta la trovate qui: http://ipv6test.google.com/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: