Archivi Blog

Ubuntu: Installare estensioni PHP tramite PEAR e PECL

Dopo aver installato Drupal nel post Ubuntu Server: Installare Drupal 7.14 e guardando nella sezione Resoconti, potremmo notare che il server non è in grado di visualizzare l’avanzamento del caricamento dei file, poichè non possiede le librerie necessarie a questo scopo.

Apriamo il terminale del nostro server e digitiamo:

sudo apt-get install php-pear php5-dev php5-cli
sudo apt-get install libpcre3-dev libmagic-dev
sudo pear update-channels
sudo pear upgrade

sudo pecl install uploadprogress

Creare un file:

sudo nano /etc/php5/conf.d/uploadprogress.ini

ed all’interno metterci:

extension=uploadprogress.so

Salvare il file, uscire dall’editor e riavviare il Server Apache dal terminale:

sudo /etc/init.d/apache2 restart

Aggiornando la pagina dei Resoconti sullo stato in Drupal, notiamo che risulta essere installato correttamente!

 

Ubuntu Server: installare Webmin da terminale

Webmin è un software che permette di gestire un computer tramite interfaccia web. L’accesso è limitato agli utenti del sistema e permette di gestire la macchina da un punto di vista hardware e software.

Può gestire svariati aspetti del sistema, inclusi gli eventuali server Apache, MySQL e le impostazioni di PHP. Webmin è un programma modulare, può quindi essere espanso con dei moduli appositi per la gestione di uno specifico servizio.  [da Wikipedia]

Fatta la doverosa piccola introduzione, procediamo all’installazione.

Da terminale digitiamo:

wget http://prdownloads.sourceforge.net/webadmin/webmin-1.580.tar.gz

N.B. l’URL del file tar cambia in base all’ultima versione rilasciata (rev. 03/12)!

Alla fine del download avremo il nostro file compresso, che andiamo a scompattare e installare di seguito:

tar -xvf webmin-1.580.tar.gz

cd webmin-1.580

sudo sh setup.sh

Possiamo lasciare tutte le impostazioni di default ed impostare una password sicura quando richiesta.

A questo punto, se avessimo un’interfaccia grafica, potremmo avviarlo tramite browser all’indirizzo:

https://localhost:10000

Come possiamo vedere, la porta di default di Webmin è la numero 10000, che possiamo cambiare rapidamente tramite la modifica del file /etc/webmin/miniserv.conf

Non avevo una interfaccia grafica, bisogna fare una considerazione: se volessimo accedere a Webmin da qualsiasi client della nostra rete?

Per la configurazione di default settata, quest’operazione è negata, ma modificando il file di configurazione, tutto sarà possibile.

Apriamo un terminale:

sudo nano /etc/webmin/miniserv.conf

ed inseriamo come prima riga, una stringa simile a questa, che consentirà l’accesso al pannello di amministrazione a tutti gli host compresi in questo range di indirizzi IP:

allow= 192.168.1.1 to allow = 192.168.1.100

Salviamo il file e riavviamo webmin:

sudo /etc/webmin/stop
sudo /etc/webmin/start

A questo punto da un browser del nostro client, digitiamo

https://indirizzo_ip_del_server:10000

ed inseriamo come credenziali admin e la password scelta durante l’installazione

ed infine avremo l’accesso al pannello di amministrazione:

Nei post successivi, andremo a configurare e a scoprire tutte le funzionalità del software.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: